È possibile spedire un pacco in Corea del Nord? Questo youtuber sta testando per noi!

Quale immagine ti viene in mente quando pensi alla Corea del Nord? Infatti, a differenza di qualsiasi altro paese, la Corea del Nord è così disconnessa dal resto del mondo che persino visitarla può essere difficile. Ma per quanto riguarda l'invio di pacchi in questo paese? Per rispondere a questa domanda, diamo un'occhiata all'esperienza gratificante dello youtuber MegaLag. Ti renderai presto conto che il suo approccio e il risultato sono semplicemente impressionanti.

La Corea del Nord è un paese governato dalla famiglia Kim dal 1948. Questa monarchia assoluta è il risultato della penisola coreana dopo la seconda guerra mondiale nel 1945. Durante questo periodo, i territori settentrionali erano sotto la protezione sovietica e la Corea del Sud era sotto l'amministrazione statunitense. Per molti anni di governo, l'Unione Sovietica ha deciso di cedere il potere a Kim Il-sung, il nonno dell'attuale leader Kim Jong-un. Visitare la Corea del Nord può essere complicato di questi tempi, il motivo? Il paese è isolato e si applicano regole rigide quando si viaggia come turisti in questo stato. Pertanto, poche persone vogliono visitare questo territorio coreano. Ma anche per i nordcoreani fuggire dal Paese è quasi una perdita di tempo, e i fuggitivi rischiano anche la pena di morte se provano a farlo... niente di veramente allettante.

Illustrazione dell'immagine
Immagine realizzata per l'articolo

Spedire pacchi in Corea del Nord è possibile?

Ecco alcune informazioni su questa nazione nordcoreana! Ora vediamo se è possibile spedire pacchi in questo paese. Lo Youtuber tedesco non aveva intenzione di andarci, ma voleva vedere se era possibile spedire un pacco lì. Era anche interessato alla durata del viaggio che il pacco avrebbe impiegato per raggiungere la sua destinazione.

Per farlo, lo youtubeur ha deciso di inviare un pacco all'ambasciata tedesca a Pyongyang, capitale della Corea del Nord. Ha inserito un AirTag, un dispositivo di tracciamento (un prodotto Apple), per poter seguire il suo pacco, altrimenti localizzarlo. Ha utilizzato DHL per la spedizione e ha inviato il pacco all'agenzia di Düsseldorf.

Il MegaLagYoutubeur è stato in grado di tracciare il percorso del pacco utilizzando l'AirTag posto all'interno. Il pacco è rimasto bloccato in un magazzino DHL a Francoforte per un mese e fortunatamente il tracker ha una lunga durata della batteria. Passarono i giorni, ed è allora che MegaLag ha deciso di contattare l'azienda, che ha avviato un'indagine ma ha avvertito che il processo potrebbe richiedere fino a due mesi.

Un secondo tentativo?

Appresa la notizia, lo youtubeur non ha voluto attendere due mesi affinché il test andasse a buon fine. Ha quindi iniziato a inviare una seconda volta un secondo pacco diverso, sempre dotato di AirTag. A differenza del primo pacchetto, questo viene inviato a un comitato del governo nordcoreano che si occupa di questioni cinematografiche. In effetti, il pacco ha impiegato diversi giorni per arrivare in un magazzino a Seoul, in Corea del Sud. Di conseguenza, l'agente DHL ha ricevuto il pacco sbagliato ed è stato dichiarato smarrito.

Allo stesso tempo, si scopre che il primo pacco è stato depositato a Pechino, e il videografo è riuscito a scoprirlo, grazie all'AirTag all'interno. Infatti, essendo dichiarato disperso, è stato successivamente rimborsato. Per continuare i suoi test, MegaLag ha tentato la fortuna con un terzo pacco, anch'esso inviato in Corea, ma purtroppo non è atterrato al Nord.

Illustrazione dell'immagine di un pacchetto
Immagine realizzata per l'articolo

Nel frattempo, lo YouTuber ha appreso da DHL che Pyongyang sta rifiutando i pacchi dall'estero a causa della pandemia di COVID-19. Informazioni che gli sarebbero state molto utili prima di questa famosa esperienza… A quanto pare, spedire un pacco nel paese di Kim-Jung-Un era semplicemente un'impresa impossibile!

Cosa dimostra l'esperienza dello youtubeur?

Questa esperienza MegaLag è semplicemente affascinante in tanti modi. Per cominciare, ha detto che dal lato nordcoreano molto chiuso, l'invio di un pacco è semplicemente una perdita di tempo. Inoltre, conferma anche l'efficacia dei dispositivi AirTags. Allo stesso modo, lo YouTuber è riuscito a geolocalizzare i pacchi che, secondo DHL, erano andati perduti. Tuttavia, anche se non riesce nel suo esperimento, lo youtuber è comunque riuscito a renderlo interessante.

Insomma, secondo questo esperimento condotto dallo youtuber tedesco, non è possibile spedire un pacco in Corea del Nord. La città rimane separata dal resto del mondo ed è inoltre un luogo dove la migrazione e l'immigrazione sono rigorosamente controllate. Ovviamente cerchiamo sempre di cogliere gli aspetti positivi di questa esperienza portata avanti dal famoso videografo MegaLag.

Vi piace? Condividetelo!

Questo contenuto è stato scritto da un francese (Vedere l'editor appena sotto). È stato tradotto in diverse lingue utilizzando Deepl e/o l'API di Google Translate per offrire un aiuto al maggior numero possibile di Paesi, e poi corretto. Questa traduzione ci costa diverse migliaia di euro al mese. Se non è 100 % perfetta, lasciateci un commento in modo che possiamo rivederla. Se siete interessati alla revisione e al miglioramento della qualità degli articoli tradotti, non esitate a inviarci un'e-mail utilizzando il modulo di contatto!
Apprezziamo molto il vostro feedback per migliorare i nostri contenuti. Se desiderate suggerire miglioramenti, utilizzate il nostro modulo di contatto o lasciate un commento qui sotto. La vostra opinione contribuisce all'eccellenza del nostro sito Alucare.fr!

Alucare è un media indipendente. Sosteneteci aggiungendoci ai preferiti di Google News:

Invia un commento