Che cosa significa Haram?

In arabo, e nel Corano, ogni parola ha un significato. Nel dizionario francese o arabo, o in altre lingue, una parola ha sempre una definizione. Harām, ad esempio, corrisponde a un significato particolare sia nel Corano, sia nella legge islamica, sia in questa religione. In questo articolo scopriremo qualcosa di più sul termine Haram. Andiamo.

Che cos'è l'Haram?

Illustrazione per il nostro articolo "Cosa significa Haram?
Immagine per il nostro articolo che spiega cosa sono Haram e Makruh e la differenza tra i termini Makruh e Harām. Fonte : Alucare.fr

Harām è un aggettivo di origine araba, il nostro termine del giorno, che descrive tutto ciò che è "proibito, inviolabile e sacro". In un termine più comune, corrisponde al concetto di tabù in francese. Ad esempio, la natura islamica ed ebraica proibisce il consumo di carne di maiale, di alcol, ecc. quando si parla di cibo. C'è carne di maiale nei biscotti Oreo?. Il significato di questa parola suggerisce che ci sono pratiche non consentite dalla religione islamica. L'antonimo di Harām è halal, che si riferisce a tutto ciò che è permesso dalla Sharia. 

È importante sottolineare che l'aggettivo Harām è diverso dal nome arabo Haram, quindi non bisogna confondere l'ortografia. Quest'ultimo designa un quartiere sacro. Inoltre, il termine proibito è usato nel Corano, nella sura 16: 116, si chiede di non affermare con una lingua falsa che una cosa è permessa e un'altra è proibita.

Secondo il punto di vista islamico, un musulmano commette un peccato compiendo un atto classificato dal Corano o dalla dottrina giuridica come Harām. D'altra parte, questo termine va anche distinto dall'aggettivo "mamnu" che indica ciò che è proibito dalla legge secolare. Per essere più chiari, il termine Harām è l'ultima delle cinque categorie di azioni umane nella giurisprudenza islamica.

Che cos'è il "Makruh"?

In arabo, il termine Makruh è usato per descrivere le azioni che sono impopolari secondo l'opinione religiosa e che dovrebbero essere evitate. La tradizione islamica afferma che i musulmani non sono puniti per aver commesso azioni impopolari, ma sono ricompensati per la loro omissione. Questo termine è la quarta delle cinque categorie di azioni umane nella giurisprudenza islamica.

Quali sono questi atti impopolari?

  • Sprecare acqua durante le abluzioni rituali, ad esempio
  • Oppure il mancato rispetto di atti popolari o preferiti durante e al di fuori delle funzioni religiose.

Nell'Islam, un'azione eccessiva è considerata impopolare.

Qual è la differenza tra i termini Makruh e Harām?

In termini linguistici, Makruh significa il contrario di amore. Nella terminologia islamica, si riferisce a qualcosa che la legge impone di abbandonare, ma non in modo diretto. Per essere più chiari, una pratica che non comporta alcuna sanzione. Il suo abbandono porta al fedele una ricompensa.

Harām significa invece proibito. Si riferisce a qualcosa che la legge religiosa impone di abbandonare in modo netto. Un termine contrario a Halal. Il fedele, da parte sua, sarà ricompensato per l'abbandono del proibito, a condizione che sia motivato unicamente dalla proibizione religiosa. In altre parole, un abbandono non dettato da paura, incapacità o timidezza. Inoltre, l'abbandono dettato da considerazioni non comporta alcuna ricompensa.

In sintesi, il mondo musulmano ha leggi che non devono essere cambiate. Gli atti illeciti espongono al pericolo davanti a Dio, se si è musulmani. In francese, il termine Haram è sinonimo di tabù, proibito, che è l'interpretazione più vicina al dizionario del termine. A proposito, se volete testare il vostro livello di purezza, qual è il vostro test di purezza. Prima di recarsi in una città musulmana, o durante le preghiere, è importante sapere che tipo di vita si vuole condurre agli occhi del proprio dio, che è Allah.

E voi? Qual è la vostra opinione? Condividete i vostri pensieri nella sezione commenti.

Vi piace? Condividetelo!

Alucare è un media indipendente. Sosteneteci aggiungendoci ai preferiti di Google News:

Invia un commento